Indagine etnobotanica su piante potenzialmente tossiche della flora locale ed esotiche - ornamentali

Breve descrizione della ricerca
Il programma di ricerca nasce come risposta ai frequenti casi di avvelenamento dovuti all’ingestione o di lesioni di tipo irritativo e / o caustico dovuti al solo contatto, soprattutto da parte di bambini, di frutti o foglie di piante spontanee e ornamentali.
Molte delle piante ornamentali da esterno o da appartamento sono originarie di regioni tropicali e, in caso di avvelenamento, la principale difficoltà consiste nell’identificazione della specie ingerita e nella veloce individuazione di possibili principi attivi nocivi in essa contenuti.
Si ritiene utile, perciò, per poter dare un valido supporto a cliniche pediatriche, Centri antiveleni e pronto soccorso, creare un erbario-schedario delle piante tossiche spontanee ed ornamentali conosciute, sulla base anche di esperienze passate.
Scopo della ricerca è creare un erbario-schedario da  conservare presso il Dipartimento, accompagnato da schede complete di nomenclatura scientifica della pianta (genere, specie e famiglia), classe di pericolosità, principio attivo, localizzazione, diffusione, e informazioni derivanti dalla cultura popolare sulle piante, quali raccolta di nomi popolari (sia in italiano, sia nelle diverse lingue), oltre ad eventuali metodi di usi tradizionali alimentari, curativi e proprietà terapeutiche (reali o presunte).
 

Principali risultati conseguiti
Sono in corso l’allestimento dell’erbario-schedario e un riordino della collezione delle piante tossiche.