CHI SIAMO STORIA ORTO MUSEO EVENTI AMICI ORTO LINKS
   

LE PIANTE AUTOCTONE NEMORALI    di F. Bracco e C. Delucchi

 

Uno dei ruoli principali degli orti botanici è quello di collaborare alla conservazione delle specie che costituiscono il patrimonio della biodiversità vegetale e, in particolare, quella del territorio circostante. Per questo nel 2004 è stata allestita una collezione dimostrativa di 18 specie di piante legate ad ambienti forestali per lo più padani, come primo nucleo di una raccolta futura più ricca e rappresentativa. Si tratta di specie che compaiono nelle foreste e negli ambienti ad esse legati, per esempio nella vegetazione delle radure o di quella di contorno erbacea e arbustiva (orli, frange, mantelli).

Le specie sono state scelte all’interno di una lista di entità vegetali, in vario grado protette o meritevoli di tutela, redatta in collaborazione con il Centro regionale per la tutela della Flora Autoctona della Regione Lombardia.

In particolare le specie reperite sono: Anemone nemorosa L., Angelica sylvestris L., Aruncus dioicus (Walter) Fernald, Asparagus tenuifolius Lam., Carex brizoides L., Convallaria majalis L., Corydalis cava (L.) Schweigg. et Koerte, Dictamnus albus L., Erytronium dens-canis L., Iris pseudacorus L., Iris sibirica L., Leucojum aestivum L., Leucojum vernum L., Phyllitis scolopendrium (L.) Newman, Rosa gallica L., Ruscus aculeatus L., Salvia glutinosa L., Scilla bifolia L..

Gli esemplari sono stati raccolti in natura e sono stati in seguito trapiantati all’interno delle aiuole triangolari che costeggiano il viale principale che conduce alle Serre Scopoliane. In totale lo spazio dedicato alla collezione copre una superficie di una trentina di metri quadrati.


     HOME    |    DSTA    |     CREDITS