PROVA FINALE LAUREA TRIENNALE IN CHIMICA L27

Nuove norme per la Prova Finale della Laurea in Chimica

Si informa che dalla sessione di esami di laurea di giugno 2019 entreranno in vigore le nuove norme per la Prova Finale della Laurea in Chimica, approvate dal Consiglio Didattico nella seduta del 26 marzo 2019:

Preparazione della tesi:
Lo studente presenterà un elaborato compilativo di circa 20 pagine, frutto di una ricerca bibliografica su un tema proposto da un docente di discipline chimiche o affini. Sarà anche possibile svolgere un breve periodo dedicato ad attività sperimentale inerente l’argomento concordato col docente. In caso di tirocini esterni all’Università, l’elaborato potrà riguardare le attività di tirocinio, senza variazioni alla disciplina attuale. Il relatore fornisce al laureando consigli sull’impostazione logica dell’elaborato, controllando periodicamente lo stato di avanzamento del lavoro e il recepimento delle indicazioni.
L’elaborato consisterà di un file pdf non modificabile, da cui viene ottenuta la copia cartacea che, firmata dal Relatore, verrà consegnata alla Segreteria Studenti entro i termini per l’iscrizione all’esame di laurea; altre 3 (o 4) copie in formato elettronico verranno consegnate al Relatore e ai componenti della Commissione d’esame almeno 7 giorni prima della data della seduta. In caso di tirocini esterni una ulteriore copia della tesi sarà consegnata al relatore aziendale, che fungerà da co-relatore.
Per una migliore distribuzione dei laureandi tra i docenti, ciascun docente in un anno accademico seguirà fino a un massimo di 5 candidati alla laurea triennale. Per facilitare il contatto fra laureandi e docenti saranno svolte informative all’inizio del terzo anno di corso..

Modalità dell’esame:
L’esame verrà condotto da commissioni di 3 – 4 membri (afferenti ad almeno due discipline), limitando a 4 i candidati assegnati a una commissione; per contenere i tempi delle sessioni le commissioni potranno lavorare in parallelo.
L’esame consiste in un colloquio della durata massima di 20 minuti, di cui 10 dedicati alla presentazione del lavoro svolto, e altri 10 di discussione con la commissione. Durante il colloquio la Commissione valuterà in modo approfondito l’elaborato scritto, in particolare la capacità di sintesi delle informazioni bibliografiche e il livello di comprensione delle stesse.

Voto di laurea:
Il voto di laurea si ottiene sommando alla media pesata dei voti negli esami di profitto, calcolata assegnando valore 31 alla votazione di 30 e lode ed escludendo gli esami in soprannumero, fino a 8 punti, di cui 3 proposti dal Relatore e 5 dalla Commissione. In caso di votazione finale maggiore o uguale a 115 (non arrotondato) il Relatore può chiedere l’attribuzione della lode, che deve essere votata dalla Commissione all’unanimità.

Scarica il PDF