Associazione Primatologica Italiana:
Primatological Net News since 1997

Text in italics comes from the linked available web pages

APINN N.59 - - Gennaio 2013 – Dicembre 2013

·  si concluderà, nel maggio 2013, il SEDICESIMO anno di vita di APINN ... - qui ci sono i 58 FILE PRECEDENTI

Vai al numero precedente


PRIMATE NEWS DAL PRIMATE INFO NETWORK (PIN - con possibilità di RSS) - Monkeys in the news
Accesso riservato al file per l'inserimento di nuove notizie
I soci API interessati a collaborare possono colleaborare alla  gestione del sito web
webcam dello zoo di Praga sul piccolo di Gorilla nato il 30/5/07

 

  • 25/2/14. Ci mancava che succedesse anche questo: Lady Gaga morsicata dall'unico primate velenoso, lo slow loris. Ovviamente i primatologi si sono arrabbiati, in quanto l'uso dei primati, soprattutto delle specie più a richio di estinzione, e il Loris tardigradus lo è, deve essere assolutamente evitato, in quanto stimola il commercio illegale. Un appello in tal senso è stato lanciato da International Animal Rescue: "IAR calls on Lady Gaga and other stars to stop using wild animals as props". Sembra comunque che in letteratura non siano riportati casi di effetti letali dovuti a morsi di Loris. Ci sono invece casi di perdita di dita o di parti del braccio. "The illegal trade in slow lorises has been fuelled by video clips of pet lorises posted on the internet and is pushing wild populations ever closer to extinction. A high profile figure like Lady Gaga could use her status to promote animal welfare and conservation issues, rather than using an endangered species as nothing more than a prop in her act. Instead she could be telling the world about the cruelty of the illegal wildlife trade in Indonesia: slow lorises have their teeth cut out by market traders to make them easier to handle. As a result more than half of them die an agonising death from infection or septicaemia before they are sold on.”
  • In aprile uscirà negli USA un documentario IMAX in 3D:  ("Island of lemurs") sui lemuri del Madagascar 
  • 11/2/2014: E' scomparsa la primatologa Allison Jolly, il cui nome dal 1963 è strettamente legato ai lemuri di Berenty, in Madagascar. Qui una sua biografia in italiano, letta in occasione della laurea honoris causa attribuitale dall'Università di Torino nel 2012. La notizia è arrivata anche alla Lemur Conservation Foundation.  Lei si occupava soprattutto del Progetto AKO, che riguardava la produzione di materiale didattico e libri per bambini sui lemuri
    Questa la comunicazione arrivata dall'IPS:

    It is with great sorrow that I announce the death of Dr. Alison Jolly, following her battle with cancer. Alison Jolly (1937-2014) was formerly the President of the International Primatological Society, 1992-96. She was recognized with the IPS Lifetime Achievement Award at the 2010 XXIII IPS Congress in Kyoto, Japan. She began her research observing ring-tailed lemurs in Madagascar at Berenty Reserve in 1963, focusing on the evolution of social intelligence. Her many accomplishments include not only her landmark scientific books and papers, but also literature to bring Madagascar’s primates and conservation issues to the attention of a wider audience. She campaigned tirelessly for conservation in Madagascar, focusing recently on the outreach Ako Project. Despite being a giant in her field, she still took time to listen to newcomers and provide encouragement. She will be sadly missed. We send our condolences to her family and friends. In recognition of Alison's devotion to primate conservation and to honor her legacy, the IPS will designate any Conservation Grant awarded for lemur work as "The IPS Alison Jolly Lemur Conservation Grant”.

  • 6/2/14: Stimolanti ipotesi sul ruolo dello sbadiglio nei Gelada
    Un gruppo di primatologi delle università di Parma e di Pisa (P.F.Ferrari e E.Palagi) hanno pubblicato oggi nella sezione Scientific Reports di Nature un articolo in cui si ipotizza che nei babbuini Gelada lo sbadiglio abbia diversi significati: “Different yawns, different functions? Testing social hypotheses on spontaneous yawning in Theropithecus gelada
  • Dal 3 all'11 novembre 2013 ci sarà in Perù il II congresso di Primatologia. Qui la locandina.
  • 16/7/13: Sep 10/13, 2013: 5' European Federation for Primatology meeting 2013 - Programme - Authors
      Invited Speakers: Barbara Fruth & Gottfried Hohmann Karin Isler Karen StrierSusannah Thorpe,   Joël Fagot
     Accommodation page  Regular registration will remain open until 27th August.  Register online
  • 31/5/13: Questa è la pagina web con le offerte di borse, posti, tirocini, ecc. (dalla Società Francese di Primatologia).
  • 30/5/13:
    • Francesco Rovero e colleghi ci informano che, facendo seguito al successo delle due edizioni del 2011 e 2012, sono lieti di annunciare la terza edizione della Summer School “Tropical rainforest biodiversity: field and GIS tools for assessing, monitoring and mapping” che si terrà nei Monti Udzungwa della Tanzania dal 24 Agosto al 6 Settembre 2013. La scuola è organizzata dal MUSE - Museo delle Scienze di Trento e dall’Università di Trento in collaborazione con il Danish Museum of Natural History e con la Tanzania National Parks, e farà base all’Udzungwa Ecological Monitoring Centre, una stazione di ricerca del Parco Nazionale dei Monti Udzungwa. La scuola è aperta a 15-20 studenti e dottorandi internazionali in discipline rilevanti, e sarà anche attesa da ecologi e studenti tanzaniani. Per informazioni e per scaricare la brochure si prega di visitare il sito http://www.mtsn.tn.it/INGLESE/ing_sezioni/sum-sch13.asp.

    • Shelly Masi ci segnala come la Società francofona di Primatologia abbia deciso di organizzare il convegno nazionale in Repubblica Democratica del Congo. Spera che alcuni di noi possano essere interessati a parteciparvi. Per informazioni potete contattare Shelly scrivendo a masi@mnhn.fr.

    • E' d'uopo inoltre ricordare le date del congresso EFP che si terrà ad Antwerp in Belgio. Si tratterà del 5° Congresso della European Federation for Primatology e si terrà dal 10 al 13 Settembre 2013. Il titolo tematico è 'Primates in our hands' e si riferisce alla responsabilità del genere umano nella conservazione delle specie di primati nonumani. Il programma includerà un contributo in teleconferenza del Principe Emmanuel de Mérode, direttore del Virunga National Park (Democratic Republic of Congo). Tutte le informazioni sono recuperabili presso www.efp2013.org.
  • 2/5/13:  Registration is now open for EVOLUZIONE2103 (www.evoluzione2013.it), the biennial congress of the Italian Society for Evolutionary Biology (SIBE). The congress will be held at the end of August (28-31) in the historical town of Trento, in the heart of the Italian Alps, a region renowned for its excellent wine, castles, and the beautiful dolomite mountains.
    The congress covers various exiting topics and aims to be extremely interdisciplinary and targeted not only to evolutionists, but also to other scientists willing to get in touch with evolution. There will be plenty of space to present your research as a talk or as a poster. We especially welcome contributions from PhD students, for which there is a specially-reduced 70 euros congress fee, a dedicated “PhD symposium” for off topic abstracts, and awards for the best talk, poster and contribution on "Evolutionary Medicine". The official language of the congress will be English, and we encourage the participation of researchers and students from outside Italy.
    Symposia include:
    EVOLUTIONARY APPLICATIONS FOR BIOSYSTEMS AND AGRICULTURE: Chairs: Gianfranco Anfora and Claudio Varotto (FEM). Confirmed speakers: Andres Moya (Universitat de València), Carlo Soave (University of Milano), Giuseppe Vendramin (CNR), Roberto Papa (Cereal Research Centre Foggia), Elisa Frasnelli (CIMEC, University of Trento) and Alessandro Cini (University of Firenze and Paris University).
    EVOLUTIONARY GENOMICS AND BIOINFORMATICS: Chairs: Manuela Sironi (IRCCS E. MEDEA) and Dan Sargent (FEM). Confirmed speakers: Francois Balloux (UCL), Christian Schlötterer (University of Vienna).
    - EVOLUTIONARY MEDICINE AND HEALTH: Chairs: Carlotta de Filippo and Heidi Hauffe (FEM). Confirmed speakers: Duccio Cavalieri and Kieran Tuohy (FEM).
    LIFE THROUGH TIME: PALEOBIOLOGY AND PALEOBIODIVERSITY: Chairs: Silvio Renesto and Giorgio Binelli (University of Insubria). Confirmed speakers: Mike Benton (University of Bristol), Evelyn Kustatscher (Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige, LMU München), Cristina Lombardo (University of Milano), Massimo Delfino and Giorgio Carnevale (University of Torino), Stefano Dominici (Museo Storia Naturale and University of Firenze) and Silvio Renesto (University of Insubria).
    BIODIVERSITY 3D: THE INTERRELATIONS AMONG GENES, SPECIES, AND ECOSYSTEMS: Chairs: Cristiano Vernesi (FEM) and Ivan Scotti (INRA). Confirmed speakers: Mike Bruford (University of Cardiff), Krystal Tolley (South African National Biodiversity Institute).
  • 1/5/13: Un recente articolo su Science (“Potent Social Learning and Conformity Shape a Wild Primate’s Foraging Decisions”) di Andy Withen, etologo dei primati a St.Andrews in Scozia, dimostra come anche nei primati non umani si tenda ad essere conformisti, adeguandosi alle abitudini delle popolazioni locali pur di non sentirsi degli estranei o degli involontari contestatori. L’articolo è commentato nello stesso numero di Science da Frans de Waal (“Animal Conformists”). Si tratta evidentemente di comportamenti culturali appresi che quindi contribuiscono alla complessità del comportamento cociale anche in specie diverse dall’uomo.
    Se ne parla oggi anche su NewScientist, dove si sottolinea quanto questo comportamento sia utile in specie in cui sia frequente l’esogamia (“Migrant monkeys munch whatever the locals are having”) e su ScienceDaily (“Monkeys Found to Conform to Social Norms”).
    Sembra che anche a St.Andrews si dica 'When in Rome, do as the Romans do'
    .
  • 29/4/13: E’ sempre una buona notizia quando qualcuno resuscita, soprattutto se si tratta di un’intera specie. Da Asian Scientist si apprende oggi (“Saving The Cao Vit Gibbon, The Second Rarest Ape In The World”) che il gibbone di Cao Vit (Nomascus nasutus), dichiarato estinto nel 1960 e riscoperto nel 2002 in un’area di foresta fra il Vietnam e la Cina, si sta riprendendo, grazie anche a progetti di conservazione dell’unico ambiente in cui vivono i circa 110 individui oggi esistenti. Lo riferisce una recente pubblicazione scientifica (“Habitat evaluation and population viability analysis of the last population of cao vit gibbon (Nomascus nasutus): Implications for conservation”) comparsa su Biological Conservation in questi giorni.
  • 28/4/13: [da Pikaia] L' ENEA (Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l'’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile) ha pubblicato il libro "Storia del pensiero biologico evolutivo" di Piergiacomo Pagano, liberamente scaricabile online. Essendo 310 pagine in italiano, è un’ottima idea e costituisce un’ottima coppia insieme a La Biologia di Omodeo, che troviamo a disposizione gratuitamente nel sito dell’ANISN.
  • 26/4/13: Un recente articolo su Science (“Potent Social Learning and Conformity Shape a Wild Primate’s Foraging Decisions”) di Andy Withen, etologo dei primati a St.Andrews in Scozia, dimostra come anche nei primati non umani si tenda ad essere conformisti, adeguandosi alle abitudini delle popolazioni locali pur di non sentirsi degli estranei o degli involontari contestatori. L’articolo è commentato nello stesso numero da Frans de Waal (“Animal Conformists”). Si tratta evidentemente ci comportamenti appresi che quindi contribuiscono alla complessità della cultura che controlla il comportamento anche in specie diverse dall’uomo. Se ne parla anche su NewScientist, dove si sottolinea quanto questo comportamento sia utile in specie in cui sia frequente l’esogamia (“Migrant monkeys munch whatever the locals are having”).,
  • 24/4/13-IT:  Il 17/5/13 al Museo di Storia Naturale di Pisa, a Calci, si parlerà (con E.Palagi ed E.Visalberghi) del gioco, un’attività che ha un ruolo fondamentale in varie specie di mammiferi; si parlerà non solo nell’uomo, ma anche dei primati e degli animali domestici: “Giocare? Un gioco da ragazzi e … non solo”.
  • 23/4/13: Su Boston.com compare la notizia che problemi economici stanno portando alla chiusura anche centri di ricerca clinica che utilizzano i primati non umani: "Harvard to shut primate research center where monkeys died, citing tough economic climate":  The Harvard primate research center where four monkeys died (in 2010/12) because of animal care problems (New England Primate Research Center in Southborough) will be largely shut down by 2015, Harvard Medical School announced Tuesday afternoon. The university cited a tough economic climate for biomedical research funding and shifting long-term strategic plans. In questo caso si tratta di un centro in cui 4 primati sono morti recentemente per problemi di cattiva gestione, ma in cui sembrava che l'Harvard Medical School stesse investendo per il rilancio.
  • 22/4/13-CA- Uscirà prossimamente, pubblicato da Taylor & Francis e sostenuta dalla canadese Coevolution Society, il primo numero di una nuova rivista open access, Coevolution. Ovviamente sarà una rivista peer-reviewed e pubblicherà informazioni originali e preziose su tre tematiche: coevoluzione molecolare, coevoluzione a livello di organismi e modelli teorici di coevoluzione.
  • 13/4/13-USA - Sembra davvero interessante, e sembra aprire la strada ad infinite applicazioni il risultato pubblicato su Science, ottenuto da un gruppo di ricercatori americani e coreani diretto da un giovane anestesista, Michael Bruchas ("Injectable, Cellular-Scale Optoelectronics with Applications for Wireless Optogenetics"). Se non si vuole fantasticare troppo sulle possibili applicazioni, apparentemente si potranno evitare i casi di obesità in primati che finora venivano premiati con del cibo quando risolvono, magari per mesi, i test loro sottoposti dai ricercatori. Ma le applicazioni non sembrano così limitate, e queste ricerche di "optogenetica" potranno avere applicazioni anche in ambito umano, e permettere un approcio diverso alla gestione del dolore e dello stress.
  • 13/4/13-IT -  [da Pikaia] Il 18 aprile, all'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti di Venezia si terrà un interessante convegno sull'evoluzione dell'altruismo, con T.Pievani e A.Voci. Poster.
  • 29/3/13-IT - Dall’11 al 13 settembre si terrà a Ferrara il XX congresso degli Antropologi Italiani, mentre il 21° congresso dei Primatologi Italiani (API) si terrà ad Asti dal 17 al 19 aprile. Il 5th congress of the Italian Society for Evolutionary Biology (SIBE) si terrà invece a Trento dal 28 al 31 agosto 2013.
  • 19/3/13-UK -  Sul numero odierno di Nature ci sono altre notizie interessanti:
    - i risultati della riunione della CITES (che si occupa di evitare l'estinzione di specie animali e vegetali in pericolo, con alcune novità sulla protezione di alcune specie animali minacciate dall'uomo ("CITES for sore eyes").

    - la recensione ("
    Primatology: A wild empathy") di un nuovo libro di Frans de Waal ("The Bonobo and the Atheist: In Search of Humanism among the Primates") sulla moralità nei primati e in particolare nelle antropomorfe. Qui una recensione.
    - il pensionamento di centinaia di scimpanzè che i laboratori del National Institute of Health (NIH) utilizzavano per alcune linee di ricerca. Molte ricerche verranno interrotte, ma questo è anche la conseguenza del nuovo modo di intendere i nostri rapporti con specie a noi filogeneticamente vicine, che i primatologi negli ultimi decenni ci hanno insegnato a apprezzare ("
    Time called on chimp work").
    Le decisioni finali verranno prese da Francis Collins, componente dell'accademia Pontificia delle Scienze e fondatore di Biologos (che intende “convertire” all'evoluzionismo teista perfino i protestanti battisti), e oggi direttore dell'NIH. E' utile ricordare che già da qualche anno in Europa gli scimpanzè non vengono usati come animali da laboratorio.
  • 19/3/13-RDC Forse una buona notizia per le popolazioni delle aree del nord est della Rep.Dem. del Congo, dove sopravvivono gli ultimi gorilla di montagna. Uno dei capi dei ribelli di origine rwandese (Bosco Ntaganda) che da anni controllava parte di quest'area gestendo anche il commercio del coltan, si è arreso oggi all’ambasciata degli Stati Uniti a Kigali, chiedendo di essere trasferito all’Aia, dove agisce il tribunale internazionale (Corte Penale Internazionale,Cpi) che si occupa di quanto avviene in queste zone (a cominciare dall'arruolamento forzoso dei bambini soldato).
    Ovviamente, più dei primatologi preoccupati della sopravvicenmza dei gorilla di montagna, saranno certamente molto felici le popolazioni della zona, da anni alla mercè dei numerosi (e quindi qualcuno sarà purtroppo rimasto attivo) signori della guerra e delle ricchezze di quest'area della RDC lonmtana dalla capitale e quindi controllata più dal Rwanda che dalla RDC.
  • 13/3/13-RDCONGO      Diverse organizazioni naturalistiche che si occupano della conservazione dei gorilla di pianura hanno recentemente messo a punto con il governo della RD del Congo un piano per cercare di garantire una maggiore protezione ai gorilla di pianura che vivono in zone piuttosto turbolente e che non sempre vengono protetti e rispettati da popolazioni in evidenti difficoltà anche per la loro sopravvivenza.  Ne parla un articolo su Science Daily (“Gorillas Caught in the Crossfire in the Democratic Republic of Congo”). Nella stessa pagina si può leggere un’altra buona notizia (“New Park Protects 15,000 Gorillas”): stato istituito il 28 dicembre scorso (nella Repdel Congo, però) un nuovo parco per proteggere i 15000 gorilla di pianura che vivono nell’area ora protetta dal Ntokou-Pikounda National Park, che copre un’area di 4500 kmq e ospita anche circa 1000 scimpanzè e 800 elefanti di foresta. Il supporto scientifico all’intervento è garantito dalla Wildlife Conservation Society- Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology. E’ un’organizzazione europea e quindi ha bisogno di un sostegno politico ed economico da parte degli europei .
  • 11/3/13-THAI Continua a Bangkok la conferenza COP 16 della CITES, iniziata il 3/4. La CITES è stata fondata 40 anni fa, nel 1973, in anni in cui si è finalmente iniziato a ragionare nell'unica dimensione, quella planetaria (certo stimolata dalla prima crisi nergetica )che permetteva di avere una visione chiara del mondo..
    Come avverte Ian Redmond, con un tweet che linka un video diffuso proprio alla COP16, nel 2013 compie 40 anni anche la PPL (Primate Protection League), un'organizzazione che si (pre)occupa della sopravvinenza dei primati minacciati dall'uomo, tuttora diretta dalla dinamica fondatrice, Shirley McGreal
  • 9/03/13-IT  Sul sito web del National Geographic Italia si può apprezzare il trailer di un documentario ("Animal Top 10 - Il sesso") che andrà in onda lunedì 11 marzo alle 21:00 su Nat Geo Wild.
    Sembra si voglia dimostrare che la violenza non sia l'unico  comportamento che risulta naturale per tutte le specie animali; questo è particolarmente evidente soprattutto nel bonobo (il Pan paniscus, una specie di scimpanzé). Dato che l'antenato che abbiamo in comune viveva solo 6/8 milioni di anni fa, è una delle specie a noi filogeneticamente più vicine.
    Se già ai tempi di Linneo fosse stata una specie nota, sarebbe stata sistemata fra l'uomo e le altre antropomorfe. E' quindi ragionevole che il DNA sia molto simile al nostro (al 98%),  ma anche che non ci siano altre specie animali che usino il sesso non solo per le esigenze riproduttive ma anche per mantenere un clima positivo e collaborativo all'interno del gruppo, riducendo le tensioni che rendono difficile la collaborazione e quindi la comunicazione. 
  • 9/3/13-THAI In occasione della riunione a Bangkok della CITES (Convention on International Trade in Endangered Species; twitter), la Great Apes Survival Partnership (GRASP) dell'UNEP (United Nations Environmental Programme) ha presentato un interessantissimo report ("STOLEN APES", più preoccupato e preoccupante di quanto ci si aspettasse) sui rischi di estinzione delle scimmie antropomorfe. se ne parla in un blog di scientific American. "Great Apes in Crisis: Thousands Poached and Stolen from the Wild Annually". Consiglio la lettura del report, ampio, aggiornato e documentato (si possono vedere le poco note rotte del commercio internazionale dei primati).
    Purtroppo il limitato tasso riproduttivo di queste specie (hanno un unico figlio ogni 4/6 anni) non contribuisce alla loro sopravvivenza.
    Da un loro antenato  ha avuto origine la linea evolutiva umana, ma il report riferisce che ogni anno 3000 scimpanzè, bonobo, gorilla e oranghi vengono uccisi o catturati ogni anno per ricavarne poche decine di dollari.
    Per chi volesse mantenersi aggiornato sulle notizie che provengono dalla prima linea di chi cerca di controllare, con interventi anche a favore delle popolazioni locali, gli effetti della pressione antropica sui territori in cui sopravvivono queste specie, può collegarsi con il twitter di Ian Redmond, un primatologo e conservazionista. Da trent'anni si muove per le foreste del pianeta, ma in paerticolare dell'Africa tropicale, occupandosi soprattutto di gorilla e di antropomorfe. Per quest'attività si è guadagnato l'Order of the British Empire e l'anno scorso è stato istituito dal GRASP il Ian Redmond Conservation Award, "to develop and inspire young conservationists working to protect great apes and their habitat in Africa and Asia".
  • 4/3/13-GABON  

    ·        J.Coyne suggerisce di vedere un video di un paio di anni fa decisamente commovente: “Gorilla Reunion: Damian Aspinall's Extraordinary Gorilla Encounter on Gorilla. Mostra l’incontro, in una foresta del Gabon dopo 5 anni dalla separazione, fra Damian Aspinall e Kwibi. Il primo è un conservazionista, responsabile di un centro di recupero di gorilla in Inghilterra, mentre Kwibi è un gorilla di 10 anni che vive nelle foreste del Gabon, dove è stato liberato 5 anni fa da Aspinall. Kwibi infatti ha vissuto fino a 5 anni fa nel centro di Aspinall (Howletts Wild Animal Park e in particolare al Port Lympne Wild Animal Park). Il video è l’unico che mostra un gorilla libero nel suo ambiente che incontra di nuovo, dopo ben 5 anni, chi l’ha curato da piccolo. Non c’è dubbio che Aspinall abbia ottimi rapporti con i suoi gorilla, che non teme di usare anche come baby sitter.
    Uno dei commenti nel blog associa questo video all’incontro, dopo un anno, del leone Christian con chi l’aveva gestito prima di riportarlo in Africa. 

    A proposito del Gabon, uno degli ultimi paesi africani a subire l’assalto alle sue foreste, intatte fino a pochi decenni fa (come si capisce guardando le nuvolette su Google Maps), un post oggi sul blog di Scientific American (“Clearing Forests May Transform Local—and Global—Climate”) invita a non continuare a sottovalutare e trascurare una connessione che pochi sanno e vogliono cogliere. E’ quella fra le foreste tropicali, il clima e le risorse idriche che rendono possibile l’agricoltura e quindi la sopravvivenza delle popolazioni locali in molti paesi dei paesi tropicali in cui l’irrigazione artificiale rischia di essere impossibile da organizzare su aree enormi.
    L’articolo riferisce degli effetti sull’agricoltura della distruzione della foresta di Mau in Kenya, che riduce l’evapotraspirazione delle piante, distruggendo fra l’altro anche "the perfect and only air-conditioning system on the planet".  L’articolo fa riferimento ai lavori di Jan Pokorny (qui alcune slides).
    Per un articolo peer-review, si può consultare anche questo: “Land use change influences continental water cycle”, dove si può leggere che “evaporation from the Amazon forest is for more than 50% responsible for the rainfall in Peru, Bolivia, Argentina, Uruguay, Paraguay and southern Brazil, where it feeds crops and rivers. Similarly in Africa, the Congo forest exports tons of water through the atmosphere to the West-African countries”.
    Per una presentazione convincente si può invece ascoltare questa TED conference (sottotitolata) sui rischi dell’invisibilità della natura per l’economia: “Pavan Sukhdev: date un valore alla natura!”, dove si illustra il ciclo dell’acqua in sudamerica, a cui allude la frase appena citata. 
  • 23/2/13-IT  

    ·        [da Pikaia] La mostra Homo Sapiens si sposterà presto a Novara: tra l'8 marzo e il 30 giugno 2013, la mostra "Homo Sapiens. La grande storia della diversità umana" si trasferisce a Novara

    ·        [da Pikaia] I video di tutte le conferenze dell'ultima edizione dell'Evolution Day di Milano sono online

  • 21/2/13-IT  [da Pikaia] Il 27 e 28 febbraio si terrà a Roma all'Accademia dei Lincei il 40' Seminario sulla Evoluzione biologica e i grandi problemi della Biologia. Tema di questa edizione sarà il "Cervello in evoluzione"
  • 17/2/13-IT  L'Accademia Nazionale dei Lincei e il Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre mercoledi 27 e giovedi 28 febbraio 2013 presentano il loro XL Seminario sulla Evoluzione Biologica e i grandi problemi della biologia; dedicato annualmente a docenti e studenti della scuola secondaria e a cultori delle discipline biologiche, il percorso formativo come quest'anno affronta il tema dello sviluppo del cervello umano, e di come le teorie evolutive possano spiegarne le complesse caratteristiche strutturali e funzionali. Le lezioni, seguite da discussione, sono destinate agli studenti e ai professori della scuola secondaria e ai cultori delle discipline biologiche. Programma
  • 13/2/13-IT  

    ·        Un altro impegnativo Darwin Day a Roma si terrà all’Università della Sapienza (Darwiniana) il 20/2. Qui il programma: “Dal cervello biologico al cervello culturale”. Locandina.
    Interventi:
    - Pierfrancesco Ferrari
    (Università di Parma): ll cervello sociale e i sistemi comunicativi nei primati non umani
    - Maurizio Biffoni (Università di Urbino): La comunicazione non verbale tra continuità filogenetica e patologia
    - Alessandra Attanasio (Università di Roma “La Sapienza”): La razionalità implicita del “cervello sociale” tra Darwin e le neuroscienze
    - Luciano Mecacci (Università di Firenze): Darwin e la psicologia comparata in Russia. Apprendimento, linguaggio, pensiero
    - Stefano Gensini (Università di Roma “La Sapienza”): Il ritorno del tema delle origini nelle scienze del linguaggio e il ruolo di Darwin
    - Federico Albano Leoni (Università di Roma “La Sapienza”): Mettere in relazione evoluzione linguistica e evoluzione umana. Problemi e metodi.






Info sources:

Discussion Lists: Alloprimate list  | Primate-Science list | Diseases (ProMedMail)
Frequent updating: Daily Earth alerts | Enviro news | Forest news | CI News | Anthropology in the news | WWF Forest | Conservation Intl | African Wildlife Foundation | IPPL news | News SFdPMonkeys in the newsNew Scientist
Less frequent u.d.: PIN News | Newsletters | IUCN News | Great Ape Trust Iowa Newsletter |
No frequent u.d.: Ape alliance

NUMERI 

 

 

PRECEDENTI

 

 

N.29

GENNAIO-FEBBRAIO 2002

N.30

MARZO-APRILE 2002

N.31

MAGGIO-GIUGNO 2002

N.32

LUGLIO-AGOSTO 2002

N.33

SETTEMBRE-OTTOBRE 2002

N.34

NOVEMBRE-DICEMBRE 2002

N.35

GENNAIO-FEBBRAIO 2003

N.36

MARZO-APRILE 2003

N.37

MAGGIO-GIUGNO 2003

N.38

LUGLIO-AGOSTO 2003

N.39

SETTEMBRE-OTTOBRE 2005

N.40

NOVEMBRE-DICEMBRE 2003

N.41

GENNAIO-FEBBRAIO 2004

N.42

MARZO-APRILE 2004

N.43

MAGGIO-GIUGNO 2004

N.44

LUGLIO-AGOSTO 2004

N.45

SETTEMBRE-OTTOBRE 2004

N.46

NOVEMBRE--DICEMBRE 2004

N.47

GENNAIO--FEBBRAIO 2005

N.48

MARZO-APRILE 2005

N.49

MAGGIO- GIUGNO 2005

N.50

LUGLIO-AGOSTO 2005

N.51

SETTEMBRE-OTTOBRE 2006

N.52

NOVEMBRE 2005--MAGGIO 2006

N.53

Giugno--Dicembre 2006

N.54

Gennaio 2007-Dicembre 2009

N.55

Gennaio 2009-Dicembre 2009

N.56 Gennaio 2010-Dicembre 2010
N.57Gennaio 2011-Dicembre 2011
N.58Gennaio 2012-Dicembre 2012

 

MOST ENDANGERED PRIMATES

 

This page (still alive after 94 months= about 8 years!) is managed
(depending also on info found or kindly sent) by Daniele Formenti.

Last revised: 29/3/2010

eXTReMe Tracker