INPDAP

 

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA

PER I DIPENDENTI DELL’AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

 

DIREZIONE GENERALE

 

BANDO PER LA CONCESSIONE, A FAVORE DEGLI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA PER LE PRESTAZIONI CREDITIZIE E SOCIALI DELL’INPDAP, DI MUTUI IPOTECARI EDILIZI PER ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE.

 

 

Con delibera del Consiglio di Amministrazione dell’INPDAP n. 1041 del 29/7/1999, approvata dal Ministero del Lavoro e della previdenza sociale e dal Ministero del Tesoro e della programmazione economica, sono stati istituiti mutui ipotecari edilizi-prima casa a favore degli iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali dell’INPDAP.

Il beneficio è riservato ai dipendenti pubblici iscritti in attività di servizio a tempo indeterminato, con almeno tre anni di anzianità utile a pensione (sono esclusi i servizi figurativi) e tre anni di contribuzione alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, istituita presso l’INPDAP.

La concessione ed erogazione dei suddetti mutui sono disciplinate dall’apposito Regolamento approvato dal Consiglio di Amministrazione dell’INPDAP con deliberazione n. 1090 del 20/10/1999.

La domanda, corredata di tutta la documentazione prevista  all’art. 10 del sopracitato Regolamento, dovrà essere redatta su apposito modulo, fornito dalle Sedi provinciali dell’INPDAP e presentata o spedita, con plico raccomandato con ricevuta di ritorno, alla Sede provinciale, nell’ambito di competenza territoriale in cui si trova l’immobile oggetto dell’acquisto, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione sulla G.U. del presente bando.

La domanda, pena l’esclusione dal beneficio, deve essere compilata in ogni sua parte e presentata esclusivamente, presso la Sede INPDAP competente per territorio. Per ciascun nucleo familiare non può essere presentata più di una domanda.

Saranno ritenute valide anche le domande pervenute, a mezzo raccomandata a/r, entro e non oltre i successivi 10 giorni decorrenti  dalla data di scadenza del termine previsto dal bando, purchè dal timbro postale risultino spedite entro il suddetto termine.

Per il recapito della domanda, l’Istituto non risponde di eventuali disguidi. Pertanto, ove per qualsiasi motivo non dovesse giungere a destinazione in tempo utile, la stessa non sarà presa in considerazione.

Al fine di evitare disguidi anche di carattere operativo, è assolutamente necessario che il CAP (codice di avviamento postale) sia esattamente quello attribuito alla via indicata, quale domicilio, dal richiedente.

I mutui saranno concessi sulla base di apposita graduatoria regionale, predisposta previa attribuzione dei punteggi fissati dall’indicato Regolamento, relativi ai seguenti elementi:

·         composizione del nucleo familiare;

·         tipologia dell’immobile da acquistare;

·         eventuale ubicazione dell’immobile stesso in Comune ad alta tensione abitativa, di cui alla legge 341/98 od in Comune dichiarato terremotato e/o alluvionato;

·         reddito familiare lordo.

 

 

 

La suddetta graduatoria verrà stilata entro 20 giorni dalla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande e rimarrà affissa, per la durata di 10 giorni presso ciascuna Sede provinciale.

Durante tale periodo di affissione potranno essere presentati eventuali reclami.

Per l’erogazione dei suddetti mutui edilizi ipotecari, salvi eventuali altri stanziamenti derivanti da ulteriori disponibilità di bilancio, sono previsti, per l’anno 2000, £.180 miliardi, così ripartiti, in relazione al numero degli iscritti di ciascuna Regione.

 

 

REGIONE

%  ISCRITTI

RIPARTIZIONI BUDGET

     PIEMONTE

6,4058

11.530.440.549

     V. D'AOSTA

0,2448

440.654.820

     LOMBARDIA

12,2094

21.976.984.695

     TRENTINO A.A.

2,1183

3.812.904.134

     VENETO

6,8464

12.323.455.717

     FRIULI V.G.

2,4184

4.353.080.996

     LIGURIA

3,2555

5.860.136.832

  EMILIA ROMAGNA

6,4530

11.615.410.353

     TOSCANA

6,3261

11.386.934.780

     UMBRIA

1,5779

2.840.193.364

     MARCHE

2,5595

4.607.118.363

LAZIO

12,4774

22.459.279.625

ABRUZZO

2,3401

4.212.245.862

MOLISE

0,6795

1.223.041.951

CAMPANIA

10,0195

18.035.072.527

PUGLIA

6,8516

12.332.830.192

BASILICATA

1,1974

2.155.257.170

CALABRIA

3,9260

7.066.882.457

SICILIA

8,6634

15.594.057.382

SARDEGNA

3,4300

6.174.018.231

 

 

 

ITALIA

100,0000

180.000.000.000

 

 

Per le Sedi dell'INPDAP di recente istituzione, la domanda di mutuo deve essere inoltrata ai seguenti indirizzi:

-            Sede di Prato - presso la Sede INPDAP di Firenze - via Torta, 15 - 50122 Firenze;

-            Sede di Rimini – presso la Sede INPDAP di Forlì – Via Caterina Sforza, 2 – 47100 Forlì;

-            Sede di Crotone – presso la Sede INPDAP di Catanzaro – Via F.Acri Pal.Petrucci – 88100 Catanzaro.

 

Per le Sedi INPDAP di Roma - Napoli - Milano la domanda stessa deve essere trasmessa rispettivamente alla:

-          Sede di Roma - Corso d'Italia, 108 - 00198   Roma;

-          Sede di Napoli – Via A. De Gasperi, 55 – 80133 Napoli;

-          Sede di Milano – Via Bastioni di Porta Nuova, 19 – 20100 Milano.

 

 

 

 

Ai fini della concessione del beneficio, oltre a quanto stabilito nel presente bando,  dovrà farsi riferimento alla normativa contenuta nel Regolamento per la concessione dei mutui edilizi ipotecari ai dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali dell’INPDAP, copia del quale potrà essere ritirata presso ciascuna Sede provinciale dell’Istituto. 

 

IL DIRIGENTE GENERALE

(Dott. Luciano Palumbo)

F.to Luciano Palombo